I migliori materassi in lattice del 2021, la classifica.

migliori materassi in lattice del 2021, scopri la classifica, leggi le recensioni e scegli il migliore per le tue esigenze grazie alla nostra guida all’acquisto completa.

Argomentazioni trattate,
clicca sulla voce che ti interessa per leggerne il contenuto:

I migliori del 2021

Il riposo è sicuramente uno dei fondamenti per una vita sana, dormire bene significa affrontare la quotidianità avendo la giusta energia.

La tecnologia ha in questo campo svolto il suo ruolo permettendo la realizzazione di nuovi materassi, sia sotto l’aspetto delle tecniche produttive sia per quanto riguarda i materiali adoperati.

Un ruolo particolare in questo ambito è ricoperto dal materasso in lattice, scopriamo quali sono i migliori disponibili online.

Migliori materassi in lattice singoli:

Migliori materassi in lattice matrimoniali:

Che cos’è il lattice?

Per comprendere questo prodotto, serve innanzitutto sapere cosa è il lattice.

È una resina naturale ricavata dal conosciuto albero della gomma, per cui una sostanza vegetale originaria dell’America del Sud, presente anche in altri continenti come l’Asia e l’Africa.

La resina raccolta è sottoposta ad una fase di lavorazione iniziale, atta a renderla igienica e duratura nel tempo.

Quando questa fase è completa, si procede alla produzione del materasso in lattice.

I metodi adoperati per la realizzazione di una lastra in lattice, elemento fondamentale del prodotto finito, è differente a seconda del tipo di azienda.

Nondimeno esistono due procedure iniziali di miscelazione con particolari additivi chimici che rimangono invariate, facendo che la prima fase di lavorazione sia identica per ogni tipo di azienda:

  • Metodo Dunlop: questa procedura è considerata tradizionale; consiste in una fase di miscelazione adatta a consentire all’aria di penetrare nel composto di lattice, formando una schiuma e poi sottoporla ad una procedura di stampo, allo scopo di ottenere la solidificazione.

    La lastra è successivamente lavata, per eliminare eventuali residui, ed asciugata. Il Metodo Dunlop consentiva la realizzazione di materassi di qualsiasi forma e spessore.
  • Metodo Talalay : questa fase di lavorazione è innovativa rispetto alla precedente, ottenendo delle caratteristiche finali differenti a causa della disposizione molecolare.

    I lattice liquido e l’aria sono introdotti all’interno di uno stampo sagomato che è successivamente chiuso ermeticamente. Si procede con l’aspirazione dell’aria allo scopo di creare il vuoto, consentendo al lattice di occupare più superficie.

    Per ottenere la solidificazione, si procedere al congelamento e poi ad un rapido riscaldamento. Tale procedura non permette la realizzazione di grandi blocchi di lattice, per ovviare a questo inconveniente di procede ad incollare più superfici di lattice.

Da ricordare che in commercio è presente il lattice naturale al 100% e quello di origine sintetica o risultato di una combinazione.

Il primo prodotto è totalmente di origine vegetale, acquisito come abbiamo esaminato precedentemente, il secondo è ottenuto dalla polimerizzazione di idrocarburi.

Grazie al tipo di lavorazione industriale, questi materassi in lattice sintetico hanno caratteristiche pressoché uguale a quelli realizzati usando la resina naturale.

La legislazione in vigore impone ai produttori e commercianti di indicare la percentuale di prodotto naturale presente nel materasso.

I benefici.

Il lattice è un materiale in possesso di una struttura molto elastica e traspirante, importante per impedire la formazione di muffe e batteri.

Questo è uno degli aspetti che ha implementato la produzione di materassi usando questo prodotto.

Ovviamente non è il fattore esclusivo o principale che comporta l’acquisto.

Al fine di comprendere pienamente il beneficio che apporta alla salute, bisogna capire il problema principale che spinge all’acquisto di un prodotto particolare come il materasso in lattice.

Il mal di schiena è una condizione debilitante, il cui significato è molto ampio. Le cause scatenanti sono varie e ne determinato l’intensità, mentre le conseguenze possono assumere una valenza significativa.

Questo male può colpire chiunque, in qualsiasi momento, nondimeno esistono fattori che causano un maggiore rischio:

  • un’età compresa tra i 30 e 55 anni;
  • il sesso, infatti le donne sono comunemente più affette da questo male;
  • l’essere in sovrappeso;
  • la vita sedentaria e lo stress;
  • la presenza di ansia e depressione;
  • la gravidanza;

i dati statistici indicano che i fumatori sono più a rischio. Ciò perché le sostanze nutritive raggiungono la schiena con più difficoltà, inoltre il tossire comporta il pericolo di strappi muscolari che nei fumatori guariscono più lentamente.

Il disturbo del mal di schiena ha varie origini, come fattori scheletrici, muscolari, infezioni, disturbo del sonno, artrite, artrosi ed un materasso sbagliato.

Un riposo notturno corretto aiuta a prevenire o lenire gli effetti negativi di questo male. Il materasso in lattice accoglie il corpo in modo ergonomico, la sua elasticità permette un sono più confortevole evitando aggravamenti sulla schiena.

Il lattice è particolarmente indicato per i problemi alla colonna vertebrale, ma anche consigliato per disturbi della circolazione sanguigna.

Il materasso in lattice assume la forma del corpo e si adatta naturalmente, senza limitare i movimenti, mantenendo la morbidezza ed evitando che il peso possa gravare sulle parti sensibili.

Chi patisce dolori dovuti al mal di schiena non può riposare su un normale materasso, ha bisogno necessariamente di un prodotto indicato. Ciò contribuisce a scemare i dolori e gli effetti negativi del disturbo, perché la sola terapia medica potrebbe non essere sufficiente.

Dormire su un materasso in lattice consente di evitare aggravamenti, anche quando si assume una posizione sbagliata.

Inoltre questo prodotto è particolarmente idoneo per i letti matrimoniali, quando esiste una differenza di peso nella coppia e nasce l’esigenza di una differente postura ed accoglienza del corpo.

Materasso in lattice naturale.

Il materasso in lattice naturale è realizzato impiegando esclusivamente il prodotto della lavorazione della resina dell’albero della gomma, senza adoperare sostanze chimiche come avviene nel caso del sintetico.

L’uso di additivi è limitato unicamente alla creazione delle lastre di lattice, le quali successivamente sono appositamente lavate al fine di eliminare qualsiasi residuo.

Diversamente i materassi in lattice sintetico sono il risultato di un processo chimico su idrocarburi provenienti dal petrolio. Per questo rimangono tracce di sostanze chimiche. Le caratteristiche principali del prodotto adoperando lattice naturale sono:

  • ottimo effetto ergonomico che garantisce al materasso di accogliere perfettamente il corpo;
  • elasticità elevata, indispensabile per consentire un riposo senza che il peso gravi sulla schiena o altre parti sensibili;
  • indicato nel caso della presenza di allergie alle sostanze chimiche usate per la produzione dei materassi in lattice sintetico.

La realizzazione di un materasso in lattice può essere diversificata in tre tipi di prodotti, a seconda della presenza o meno di sostanze sintetiche. Per questo abbiamo:

  • materasso in lattice naturale, prodotto con lastre risultati dalla lavorazione delle sostanze vegetali naturali;
  • materasso in lattice sintetico, meno pregiato del precedente, frutto di una lavorazione prevalentemente chimica;
  • materasso misto o ibrido, cioè realizzato usando lattice naturale e sintetico le cui percentuali variano a seconda del prodotto.

Una particolare caratteristica del materasso in lattice maturale è la presenza di fori grandi e piccoli, volutamente creati durante la fase di lavorazione, allo scopo di offrire un differente sostegno a seconda della parte del corpo che vi si poggerà.

In commercio sono presenti materassi costituiti da 3, 5, 7 e 9 zone differenti per permettere un sostegno più o meno particolareggiato. Il materasso in lattice naturale ha bisogno di manutenzione, infatti i produttori consigliano di sfoderarlo ed esporlo periodicamente all’aria.

Da ricordare che a volte accade che alcuni materassi sono offerti ai compratori come prodotti da lattice naturale, quando invece è stato utilizzato il sintetico.

Per evitare errori, bisogna innanzitutto controllare la dicitura che deve indicare se il materasso è in lattice, latex o naturlex di origine vegetale.

Secondo l’ordinamento vigente, quando è riportata questa dicitura significa che il materiale usato è naturale almeno ad un 85%.

Ovviamente maggiore è la quantità di lattice naturale, maggiore sarà il prezzo del prodotto.

I più pregiati materassi, cioè realizzati al 100% o quasi con risultato di lavorazione della resina naturale, sono costosi ed al loro interno sono assenti additivi chimici.

Pro e contro.

Il materasso in lattice è un prodotto che ha riscontrato enorme successo, sono più venduti di quelli realizzati in poliuretano, simil lattice e ovviamente a quelli a molla.

I benefici che garantisce questo prodotto sono indiscutibili, li possiamo riassumere come segue:

  • eccellente adattabilità al corpo, assumendo una forma che consente un riposo ottimale;
  • elasticità maggiore rispetto a molti altri prodotti, capace di sostenere ed evitare problemi ed aggravamenti di peso su particolari parti del corpo. Come abbiamo visto, sono presenti in commercio materassi in lattice che prevedono differenti tipi di zone realizzate appositamente per garantire una migliore postura e relax;
  • perfetta traspirazione, comfort e sono considerati i migliori per chi soffre di allergie alla polvere ed acari;
  • i materassi in lattice naturale permettono di migliorare la postura durante il sonno, eliminando alcuni dei problemi che comportano l’aggravamento di patologie alla schiena, diventando essi stessi un contributo importante alle terapie mediche.

I vantaggi di questo prodotto sono molti ed hanno fatto sì che fosse privilegiato dai consumatori, come dimostrano i volumi di vendita. Tuttavia non è esente da critiche o svantaggi.

La scelta deve ricadere su un prodotto di qualità, poiché quelli scadenti possono comportate problemi a livello di formazione di muffe, difficili o quasi impossibili da contrastare.

Alcuni soggetti accusano allergie dovute all’intolleranza verso il lattice naturale.

Una condizione non comune, ma veritiera essendo un prodotto di origine totalmente vegetale. In questi casi persino il lattice sintetico potrebbe risultare migliore a quello naturale.

Infine come abbiamo esaminato precedentemente, bisogna sempre esaminare l’etichetta allo scopo di non cadere vittime di errori.

Essendo un prodotto molto commercializzato, accade che alcuni venditori tentino di ottenere guadagni maggiori da materassi in lattice scadente.

In conclusione per eliminare molti degli svantaggi di questo prodotto, bisogna acquistarne di ottima qualità e fattura, rimanendo sempre attenti al tipo di lattice che si sta acquistando.

Materasso in lattice anallergico.

Con il termine anallergico si intendono dei prodotti realizzati adoperando dei materiali che subiscono dei precisi trattamenti, allo scopo di renderli adatti a soggetti affetti da allergie.

Durante il riposo notturno possono essere inalate sostanze capaci di stimolare disturbi legati alle allergie, causando problemi all’apparato respiratorio o dermatiti da contatto.

Inoltre le lavorazioni dei materassi possono prevedere particolari azioni atte ad impedire la proliferazione di acari della polvere, principali responsabili di molti fenomeni allergici.

I materassi in lattice naturale sono anallergici, solamente pochi sono i casi in cui alcuni individui accusano allergia al prodotto di origine vegetale. Solitamente questo disturbo riguarda quei materassi che contengono lattice sintetico.

I prodotti migliori sono costruiti rispettando le normative e gli standard qualitativi allo scopo di impedire allergie ed eliminare gli acari.

Guida all’acquisto.

Allo scopo di acquistare un materasso in lattice serve attenersi ad alcune regole, indispensabili per non commettere errori nella scelta. La prima differenza, come abbiamo esaminato precedentemente, risiede nel tipo di lattice usato.

Dunque bisogna accertarsi che:

  • il tipo di lattice sia naturale, sintetico o ibrido. I primi tipi sono più costosi, ma decisamente migliori. Per cui serve assolutamente controllare l’etichetta per controllare che l’anima del materasso sia realizzata in lattice naturale o sintetico, oppure verificare quali sono le percentuali dei due materiali;
  • è indispensabile esaminare che l’anima del materasso, cioè la lastra di lattice, poiché questo garantisce gli aspetti benefici del prodotto.

Se il prodotto che si vuole acquistare non è composto da almeno l’85% di lattice di origine naturale e l’anima è sotto l’altezza minima, significa che il materasso è stato costruito in maniera scadente.

Si deve diffidare assolutamente dalle diciture che specificano una percentuale elevata, anche del 100%, senza l’indicazione dell’origine naturale, poiché dimostrano solamente il nome del materiale usato, che potrebbe essere realizzato dalla lavorazione degli idrocarburi.

Detto questo esistono alcuni consigli utili da seguire per garantire un buon acquisto, evitando di incappare in prodotti di scadente qualità.

#1. informarsi se il lattice è stato lavorato seguendo il metodo Dulop o Talalay. Il primo metodo è il più diffuso, mentre il secondo è più costoso.

Questa differenza risiede nel tipo di ampiezza della lastra di lattice prodotta. Se si deve acquistare un letto matrimoniale, è preferibile il metodo Dulop perché consente di realizzare lastre molto ampie ed il letto costerebbe meno.

Il secondo metodo, anche se consente un comfort leggermente superiore, permette di realizzare lastre meno grandi e per cui un letto matrimoniale è più costoso;

#2. l’altezza dell’anima del materasso deve essere tra 10, 12, 14, 15, 16, 18 o 20 centimetri, con imbottiture più o meno voluminose. Un prodotto di qualità ha un’altezza elevata che consente una migliore e omogenea distribuzione del peso corporeo, inoltre garantisce un durata maggiore nel tempo;

#3. come abbiamo visto precedentemente, il materasso può essere suddiviso in zone, diverse a seconda dell’ampiezza dei fori. Maggiori sono le zone, migliore sarà il supporto, l’elasticità, l’adattabilità e l’accoglimento a seconda della parte del corpo che viene adagiata;

#4. la certificazione ecolatex serve ad accertarsi che il prodotto sia conforme agli standard di produzione delle più importanti aziende del settore, per cui garantisce un apprezzabile qualità della fattura e dei materiali usati;

#5. è importante controllare se l’anima del materasso è monostrato o multistrato, soprattutto se è tutto realizzato adoperando il lattice e che se sia naturale, sintetico oppure misto;

#6. sarebbe importante scegliere un materasso in lattice sfoderabile, perché questo consente una migliore manutenzione del prodotto e garantisce più elevati livelli di igiene;

#7. diffidare sempre di prodotti che vengono venduti a prezzi stracciati, possono essere di seconda, terza o quarta scelta, per cui affetti da importanti difetti di produzione;

#8. il materasso serve a riposare, per questo bisogna provarlo, cioè poggiarsi e percepire a livello corporeo che sensazioni trasmette.

I consigli esposti sono rilevanti per la scelta di un materasso in lattice, da essi dipende l’acquisto di un prodotto ottimo o di fattura scadente. In quest’ultimo caso si corre il rischio di spendere soldi, senza avere alcuno dei vantaggi esposti in precedenza.

A livello di scelta del materasso in lattice nasce una considerazione che ha preso piede negli ultimi anni. Se sia meglio un materasso in lattice oppure un in memory foam.

Ciò soprattutto perché questi prodotti sono spesso pubblicizzati vantando gli stessi pregi del lattice.

Innanzitutto è da chiarire che i materiale del memory foam è una schiuma densa a base di poliuretano, aggiungendo alcune sostanze chimiche allo scopo di alterarne la densità. Detto ciò, le differenze tra i due tipi di materassi sono:

  • sicuramente il tipo di materiale. Non esiste un memory foam naturale, poiché è il risultato di una lavorazione chimica. Solamente il lattice naturale nasce da materiali totalmente vegetali;
  • entrambi i tipi di materassi sono anti-acaro ed anallergici. Tuttavia quello realizzato in lattice tende ad accumulare più umidità, come conseguenza serve più manutenzione;
  • riguardo la risposta del materasso al peso è da segnalare che il memory foam reagisce creando un calco del corpo del soggetto, evitando di produrre vibrazioni durante il movimento notturno.

    Il lattice tende a rispondere al peso con una spinta verso l’alto, rispondendo decisamente meglio ai movimenti del corpo. Un individuo che tende ad un sonno agitato dovrebbe acquistare un materasso in lattice, essendo dinamico e risponde meglio alle esigenze personali consentendo un migliore riposo;
  • riguardo la durata del materasso dipende dal costo, utilizzo e manutenzione. Generalmente è identico per i due tipi di materiali, rispettando la conosciuta regola degli 8 anni prima di cambiare il materasso;
  • l’elasticità del materasso in lattice è superiore a quello in memory foam. Infatti tende a riprendere la propria forma in pochi minuti, accusando solo dopo molto tempo delle deformazioni;
  • il prezzo di entrambi i prodotti è medio-alto. Importante è diffidare quando il costo è eseguo, poiché è facile che la dicitura lattice naturale o memory foam siano fasulle.

In conclusione possiamo affermare che l’acquisto di un prodotto dipende fondamentale da alcuni aspetti, cercando marche conosciute per la qualità dei materiali e la fattura nella produzione.

I migliori marchi:

Materassi in lattice Marcapiuma:

Materassi in lattice Naturalex:

Materassi in lattice BedStory:

Materassi in lattice Baldiflex:

Domande degli utenti:

Quanto costa un materasso in lattice?

Il costo varia dalla composizione, dalla marca e dalle dimensioni. I prezzi vanno dagli 80€ per i materassi singoli più economici ai 1.000 per i matrimoniali top di gamma. Per scoprire i migliori prezzi online leggi: classifica e prezzi.

Che cos’è il lattice?

Il lattice è una resina naturale ricavata dal conosciuto albero della gomma, per cui una sostanza vegetale originaria dell’America del Sud, presente anche in altri continenti come l’Asia e l’Africa. Approfondisci…

Qual è il miglior materasso in lattice?

Sono molti i modelli disponibili online. Per scoprire il migliore per le tue esigenze leggi la nostra guida all’acquisto completa di classifica dei migliori modelli disponibili: classifica.

  • Post category:Materassi
  • Tempo di lettura:14 mins read