La guida completa al ritmo circadiano

L’orologio interno che regola i cicli del sonno

Se ti sei mai sentito energizzato o stanco alla stessa ora ogni giorno, hai sperimentato il ritmo circadiano al lavoro. Che cos’è esattamente un ritmo circadiano e perché è importante?

Il ritmo circadiano è l’orologio interno che regola i cicli di sonno e veglia del corpo in un periodo di tempo di 24 ore. Poiché il ritmo circadiano è controllato dalla parte del cervello che risponde alla luce, la vigilanza tende a raggiungere il picco durante il giorno e diminuire durante la notte.

I ricercatori hanno studiato il ritmo circadiano dal XVIII secolo, quando lo scienziato Jean-Jacques d’Ortous de Mairan osservò una pianta che apriva e chiudeva i suoi volantini ogni giorno in completa oscurità, rivelando l’esistenza di un orologio biologico. (2)

Duecento anni dopo, gli scienziati hanno scoperto che i geni informano i ritmi circadiani e che i ritmi circadiani si sincronizzano con i cicli luce-oscurità. (3) (4) Recentemente, i ricercatori hanno isolato un gene che controlla il ritmo biologico giornaliero mentre interagisce con il ciclo luce / buio di 24 ore, rivelando come il sistema di clock funziona a livello molecolare. (5)

Essenziale anche se il ritmo circadiano è quello di dormire e svegliare i cicli, la sua importanza non finisce qui. Il ritmo circadiano interagisce con il cervello e il corpo per regolare numerose importanti funzioni fisiologiche, dalla pressione sanguigna alla temperatura interna al metabolismo.

Nota: il contenuto di Sleepopolis deve essere di natura informativa, ma non deve essere considerato come un consiglio medico e non deve sostituire la consulenza medica e la supervisione di un professionista qualificato. Se ritieni di soffrire di disturbi del sonno o condizioni mediche, consulta immediatamente il tuo medico.

Ritmo del sonno circadiano

Il ritmo circadiano non solo controlla i cicli di sonno e veglia, ma influisce su molti aspetti chiave della vita della maggior parte degli organismi. (6) I ritmi circadiani sono la ragione per cui i viaggiatori sperimentano il jet lag, alcune specie marine si insinuano nella sabbia invece di essere spazzate via verso il mare e gli uccelli migrano su lunghe distanze senza perdere la loro strada. (7) (8)

Il ritmo circadiano è controllato da due processi principali: il sistema dell’orologio biologico interno e l’ambiente esterno. (9)

Articolo del ritmo circadiano, SCN nel cervello
Ciascuno degli orologi biologici del corpo è governato dal “master clock”, un gruppo di circa 20.000 cellule nervose che formano il nucleo soprachiasmatico, o SCN. (10) L’SCN, situato nell’ipotalamo nel cervello, utilizza segnali come la luce del giorno per segnalare sensazioni di vigilanza e sonnolenza. L’SCN contiene anche recettori per la melatonina, comunemente definiti “l’ormone del sonno”. I neuroni nell’incendio SCN in un ritmo di 24 ore raggiungono un picco a mezzogiorno.

Oltre al sonno, l’SCN regola il metabolismo e la produzione di ormoni. Attraverso un complesso processo di secrezione ormonale e variazioni della temperatura corporea, l’SCN sincronizza orologi “locali” che operano indipendentemente dal master clock. Questi orologi a comando genico si trovano in luoghi come il fegato, il tessuto connettivo, i polmoni e i muscoli. (11) I neuroscienziati sospettano che quasi tutte le cellule del corpo contengano un orologio circadiano. (12)

 

Quando il master clock rilascia segnali che attivano determinate funzioni del corpo, l’orologio biologico imposta il ritmo circadiano in movimento. L’orologio biologico produce ritmi circadiani quotidiani, monitora i loro tempi e controlla altri cicli che si verificano stagionalmente e annualmente, come una donna che sente che il suo “orologio ticchetta” si avvicina alla fine dei suoi anni di gravidanza. (13) L’orologio biologico controlla questi cicli coordinandosi con il master clock per mantenere il ritmo circadiano in sincronia con l’ambiente circostante.

Nucleo di Suprachiasmatic o SCN

L’SCN si trova nella regione dell’ipotalamo del cervello e utilizza i segnali degli occhi per produrre ritmi circadiani.
Esempi di segnali ambientali che influiscono sul ritmo circadiano includono:

  • Cambiamenti quotidiani di luce quando il sole sorge e tramonta
  • Temperatura
  • Umidità
  • Livelli di attività
  • I tempi dei pasti

Oltre a produrre ritmi circadiani attraverso la loro interazione con il ciclo giorno / notte e l’orologio interno, questi segnali ambientali aiutano a stimolare le funzioni essenziali del corpo, come la digestione, la temperatura corporea e il rilascio di melatonina. (14) (15)

Ritmo Circadiano E Sonno

L’articolo del ritmo circadiano, la luce promuove la risveglio
I ritmi circadiani richiamano il sonno e la veglia in parte attraverso il rilevamento di segnali luminosi. La luce entra nell’occhio attraverso la retina e viaggia lungo un percorso neurale verso la SCN, innescando la vigilanza e lo stato di scia. Quando il sole tramonta e c’è meno luce, il master clock segnala al cervello di produrre melatonina, che innesca sonnolenza e favorisce il sonno. (16)

Oltre alla luce, altri fattori contribuiscono al sonno e ai tempi di veglia. Questi fattori includono:

  • Privazione del sonno
  • Il periodo di tempo in cui uno è stato sveglio
  • Ora legale
  • Le stagioni

Poiché il ritmo circadiano non si spegne mai, i suoi effetti si fanno sentire a tutte le ore. A seconda dell’età e dello stile di vita, il ritmo circadiano naturale può fluttuare. Ad esempio, la privazione del sonno può amplificare le naturali cadute e aumenti del ritmo circadiano, portando a sentimenti esagerati di sonnolenza e veglia. Le abitudini di sonno regolari hanno maggiori probabilità di produrre livelli di energia costanti durante il giorno, così come i più bassi livelli di sonnolenza diurna.

Durante una giornata tipo, l’energia inizia una salita lenta al risveglio e continua fino al primo pomeriggio. Poco dopo, l’energia inizia a diminuire, toccando il minimo intorno alle 3:00 pm. Dopo le tre del pomeriggio, l’energia aumenta di nuovo, raggiungendo il picco intorno alle 18:00. La vigilanza tende a calare per il resto della serata e nelle prime ore del mattino, raggiungendo il punto più basso alle 3:30 del mattino.

 

Ritmo Circadiano E Salute

La ricerca rivela che i ritmi circadiani hanno un’influenza importante sui livelli di energia e fitness, nonché sul funzionamento dei processi corporei essenziali. Un ritmo circadiano sano è legato alla longevità, a livelli ridotti di stress ea un forte metabolismo.

Uno studio recente del MIT ha scoperto che una proteina che protegge dalle malattie dell’invecchiamento svolge anche un ruolo fondamentale nel controllo dei ritmi circadiani. (17) Gli scienziati hanno anche scoperto una proteina specifica che funziona con l’orologio circadiano del corpo per regolare le funzioni metaboliche chiave. (18)

Ritmi circadiani irregolari sono stati collegati a condizioni di salute croniche come disturbi del sonno, obesità e depressione. (19) La ricerca rivela che i lavoratori del turno di notte hanno un aumentato rischio di obesità e diabete e possono essere a maggior rischio di incidenti. La luce blu emessa dagli schermi su telefoni cellulari, computer, tablet e televisori limita la produzione di melatonina e contribuisce in modo determinante a un ritmo irregolare.

Oltre trentacinque condizioni mediche possono essere influenzate dall’orologio interno del corpo, tra cui:

  • Diabete
  • Malattia del cuore
  • Declino cognitivo
  • Disordine bipolare
  • Pressione sanguigna elevata
  • Alti livelli di glucosio
  • articolo del ritmo circadiano, luce blu dallo schermo
  • Ritmo circadiano e metabolismo

Il ciclo circadiano è fortemente associato al metabolismo del corpo. (20) Mentre la genetica influenza la capacità del corpo di mantenere l’equilibrio energetico attraverso il consumo di cibo e bevande, gli studi rivelano che sia il ritmo circadiano che gli stimoli ambientali come la luce svolgono anche un ruolo chiave.

Nell’ultimo decennio, i ricercatori hanno scoperto che i ritmi circadiani aiutano a regolare i livelli di energia nelle cellule. Questo può aiutare a spiegare perché un modello di sonno interrotto può aumentare la fame, il che potrebbe portare ad un aumento di peso, all’obesità e ad altri problemi metabolici.

Uno studio recente che ha esaminato la connessione tra il ritmo circadiano e la funzione metabolica nei ratti ha scoperto che la sostituzione del periodo oscuro del ciclo circadiano di un roditore con luce fioca ha aumentato la massa corporea dei roditori. (21) La ricerca sugli esseri umani ha scoperto che il disallineamento circadiano ha causato una diminuzione delle concentrazioni di leptina, un ormone che promuove la sensazione di pienezza. (22)

Gli scienziati ora credono che “resettare” l’orologio biologico regolando ciò che viene mangiato e quando potrebbe prevenire i disordini metabolici promuovendo al contempo una buona salute ed estendendo la durata della vita. (23)

 

Ritmo Circadiano E Invecchiamento

I ritmi circadiani non rimangono gli stessi dalla nascita alla vecchiaia. Uno studio del 2015 ha scoperto che i geni controllati dall’orologio fluttuano nel cervello mentre le persone invecchiano. (24) I ricercatori hanno esaminato campioni di cervello di persone decedute di varie età e hanno scoperto che i cervelli più giovani avevano un ritmo giornaliero nei loro geni dell’orologio mentre il ritmo era andato perso in molti dei geni delle persone anziane. Ulteriori ricerche suggeriscono che un ritmo circadiano sano può aiutare a prevenire tali malattie legate all’età come la demenza, l’ipertensione e il morbo di Parkinson. (25)

Uno studio ha scoperto che un gene chiamato SIRT1 protegge dalle malattie dell’invecchiamento e svolge un ruolo chiave nel controllo dei ritmi circadiani. Gli stessi ricercatori hanno anche scoperto che la funzione circadiana decade con l’invecchiamento, ma che l’aumento dei livelli di gene SIRT1 nel cervello potrebbe prevenire questa perdita. Un declino della funzione SIRT1 interrompe il controllo circadiano mentre imita ciò che accade quando le persone invecchiano. Questa scoperta è promettente in quanto gli scienziati ritengono che il miglioramento della funzione circadiana, come la fornitura di attivatori SIRT1 nel corpo, potrebbe ridurre i problemi di salute legati all’età e portare a un miglioramento del sonno. (26)

Ritmo Circadiano E Stress

Sia l’orologio biologico che gli spunti esterni come la luce e l’oscurità sono fortemente legati alla salute mentale. Il disturbo affettivo stagionale (SAD), un tipo di depressione strettamente connesso alle stagioni, può essere l’esempio più noto di come il ritmo circadiano possa influenzare l’umore. In genere, il SAD inizia e finisce negli stessi periodi dell’anno, diminuendo all’aumentare delle ore di luce del giorno.

Articolo del ritmo circadiano, SAD

Segni e sintomi di SAD includono:

  • Sensazione di depressione durante i mesi tardo autunno e inverno
  • Perdere interesse per le attività, in particolare durante l’inverno
  • Diminuzione di energia
  • Difficoltà a dormire
  • Appetito o variazioni di peso
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sentimenti di disperazione o senso di colpa
  • Pensieri di morte o suicidio

Lo stress psicologico ripetuto sul corpo può disturbare il ritmo circadiano. (27) Alcuni neuroscienziati ritengono che lo stress cronico possa portare alla produzione di livelli irregolari di cortisolo, ormone steroideo, che è essenziale per il corretto funzionamento del ritmo circadiano e per la modulazione dell’umore e della motivazione. La disfunzione prolungata del cortisolo può portare a problemi come la depressione, l’aumento di peso o la sindrome di Cushing, una malattia di eccessiva produzione di cortisolo. (28)

Un ritmo circadiano interrotto può causare disturbi dell’umore in qualsiasi periodo dell’anno. Gli scienziati che studiano l’umore e il ritmo circadiano hanno manipolato i geni del topo per sopprimere i responsabili della regolazione dell’orologio biologico. Hanno scoperto che i topi erano più lenti a fuggire da una situazione di disagio, un segno di disperazione. I topi hanno anche guadagnato più peso rispetto ai topi di controllo, nonostante abbiano mangiato la stessa quantità di cibo. I topi con ritmi disturbati trascorrevano meno tempo in piena luce, un segno di ansia, ed erano più immobili dei topi di controllo. (29)

 

Funzione metabolica

Il processo attraverso il quale il corpo converte cibo e bevande in energia.
Mangiare, fare esercizio e ritmo circadiano
Il metabolismo del corpo segue un orologio di 24 ore, con ormoni, enzimi e sistemi digestivi preparati per il cibo al mattino e al pomeriggio. Alcuni studi dimostrano che le persone che fanno uno spuntino poco prima di andare a letto possono interrompere il loro ritmo circadiano, che è cablato per non alimentare il corpo con energia aggiuntiva durante la notte. (30)

Articolo del ritmo circadiano, esercizio per un sano ritmo circadiano
Altre ricerche rivelano che quando il cibo viene consumato è più importante per la perdita di peso rispetto alla quantità di cibo consumato. Uno studio ha confrontato l’effetto di una colazione abbondante contro una grande cena, e ha scoperto che il gruppo che ha mangiato una grande colazione ha perso più peso rispetto al gruppo che ha mangiato una grande cena. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il gruppo della cena ha mangiato quando l’insulina circolante, che ha il suo ritmo circadiano, era al suo massimo. (31)

Anche gli esercizi hanno un ritmo circadiano. I muscoli hanno i loro orologi interni e, a causa del ritmo circadiano, funzionano meglio durante il giorno che di notte. (32) La forza fisica e il picco della temperatura corporea nel tardo pomeriggio influenzano le prestazioni dell’esercizio. (33) Ciò potrebbe significare che l’esercizio diurno è più efficiente e benefico per la salute rispetto all’allenamento notturno o al mattino presto. (34)

Il movimento aiuta a mantenere un ritmo circadiano salutare, mentre la mancanza di esercizio fisico può eliminare l’orologio biologico. In uno studio sui topi, i ricercatori hanno scoperto che l’esercizio influisce su schemi di movimento sani quotidiani più che sull’età. Ciò può significare che l’esercizio rende il corpo più capace di giudicare quando dovrebbe muoversi e quando dovrebbe essere a riposo. (35)

 

 

Come il ritmo circadiano viene interrotto

Il ritmo circadiano funziona meglio in combinazione con salutari abitudini del sonno, come andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno. I tempi di sonno e di veglia irregolari possono interrompere il ritmo circadiano, portando a complicazioni di salute.

Il ritmo circadiano può essere influenzato da altri disturbi del sonno, come ad esempio:

  • Disritmia
  • Ora legale
  • Stare sveglio tutta la notte
  • Esporre il cervello alla luce artificiale da uno smartphone, tablet o televisione di notte
  • Esercitarsi a tarda notte

È improbabile che i piselli disturbino il ritmo circadiano se programmati durante un basso livello di attenzione, di solito intorno alle 15:00.

La rottura cronica del ritmo circadiano può portare a disturbi del sonno o ad altri problemi di salute correlati. Mentre alcuni disturbi del ritmo circadiano sono intrinseci, il corpo orologio di una persona è fuori dal resto della società, altri sono circostanziali o estrinseci, il che significa che il ritmo circadiano di una persona non è sincronizzato con i tipici schemi luce / oscurità. (36) Ciò è spesso dovuto a orari di lavoro non tradizionali, viaggi o esposizione a grandi quantità di luce artificiale.

 

Sindrome da fase del sonno ritardata (DSPS)

Questo tipo di disturbo si verifica quando qualcuno si sente stanco più tardi nella notte e va a dormire almeno due ore dopo una ragionevole ora di andare a letto, che per gli adulti è spesso detto essere entro la mezzanotte. Tuttavia, richiedono ancora le 7-9 ore raccomandate di sonno, ma a causa del lavoro, degli orari di inizio della scuola o di altre esigenze di vita, non possono alzarsi più tardi al mattino.

Ad esempio, invece di addormentarsi alle 22:30 e svegliarsi alle 6:30 del mattino, qualcuno si addormenterà DSPS più vicino all’1: 00 e avrà difficoltà a svegliarsi in tempo per la scuola. Il DSPS è più comune tra gli adolescenti; ben il 16% di chi ha il disturbo. (37)

Alcuni ricercatori ritengono che il DSPS possa essere una reazione eccessiva al normale spostamento degli orologi interni che gli adolescenti sperimentano dopo aver raggiunto la pubertà. I malati di DSPS spesso si sentono estremamente stanchi durante il giorno, sperimentano l’insonnia e sono a maggior rischio di depressione o altri problemi psichiatrici, compresi problemi comportamentali. (38)

Advanced Sleep Phase Syndrome (ASPS)

Un altro disturbo simile a DPSP è la sindrome di fase dormiente avanzata (ASPS), che fa sì che i malati si sentano stanchi prima di notte e andare a letto prima di quanto è tipico. (39) I malati di ASPS tendono a sentirsi stanchi nel tardo pomeriggio e vanno a letto tra le 6:00 e le 21:00. Perché l’ora di andare a letto è presto, anche loro si svegliano presto – di solito tra le 2:00 e le 5:00 del mattino. Svegliarsi a un’ora così mattutina potrebbe rendere difficile il riaddormentarsi, portando all’insonnia.

A differenza di DSPS, ASPS si verifica più spesso nelle persone anziane. Questo è probabilmente dovuto a una perdita naturale in risposta alla luce quando le persone invecchiano, specialmente tra quelli con problemi agli occhi, come la cataratta. Mentre il numero esatto di sofferenti di ASPS è sconosciuto, i ricercatori ritengono che sia inferiore all’1% della popolazione. Le persone che vivono con ASPS sperimentano l’insonnia mattutina e l’eccessiva sonnolenza diurna e hanno anche un rischio maggiore di depressione. (40)

Disturbi del ritmo circadiano

Una famiglia di disturbi del sonno che influenzano i tempi del sonno, tra gli altri processi corporei.

Le persone che soffrono di sindrome del sonno non-24 ore hanno un ritmo circadiano sfasato. Ciò si traduce in un ciclo di sonno leggermente più lungo di 24 ore, forzando i successivi tempi di sonno e di veglia. Un malato non-24 con un orologio di 24,5 ore potrebbe dormire 30 minuti dopo il primo giorno, un’ora dopo il secondo giorno e così via. Il ciclo sonno-veglia alla fine si riallinea con il ciclo luce-buio di 24 ore, fornendo sollievo temporaneo e sonno convenzionale. Il ciclo del sonno continuerà a spostarsi, tuttavia, creando cicli ripetuti di periodi di sonno e veglia successivi.

Sindrome non-24 è più comune nelle persone che sono cieche, a causa dell’incapacità della retina di trasmettere luce naturale alla porzione di ipotalamo del cervello. (41) Il disturbo può interessare fino a tre quarti delle persone con perdita totale della vista. Mentre qualcuno con vista potrebbe sviluppare Non-24, è estremamente raro e poco studiato. (42)

Ritmo irregolare Sleep-Wake

Questo raro disturbo del ritmo circadiano incide sulle persone con cicli di sonno-veglia che non rientrano nel consueto orologio di 24 ore. Invece, i malati pisolino per ben 7-9 ore per ogni giorno. Ciò può causare un’eccessiva sonnolenza diurna a causa di un ritmo circadiano interrotto e un ritmo di sonno insolito. (43)

Gli scienziati non sanno quante persone soffrono di questo disturbo, né sono del tutto sicuri di come si formi. Alcuni ricercatori ritengono che si sviluppi in persone con un orologio biologico debole, che può derivare da tali condizioni neurologiche come la demenza e il danno cerebrale.

Disturbo del sonno a turni

Il disturbo del sonno da lavoro a turni (SWSD) deriva da un conflitto tra il ritmo circadiano e il programma di lavoro di chi ne soffre. Questo programma può essere in contrasto con l’orologio biologico interno, che porta a insonnia, eccessiva sonnolenza diurna e aumento del rischio di problemi cardiovascolari e gastrointestinali. (44) (45)

“Lavoro a turni” è definito come orario di lavoro al di fuori delle tradizionali 9:00 alle 17:00. periodo di tempo, se il turno del mattino presto, il turno di notte o la rotazione degli orari di lavoro. A causa della mancanza di allineamento tra i cicli sonno / veglia e buio / luce, chi soffre di SWSD può avere difficoltà ad addormentarsi, rimanere addormentato o dormire quando è stanco.

Mentre alcuni turnisti possono essere in grado di adattarsi, quelli con programmi a rotazione possono trovare difficile o impossibile la regolazione. Circa il 20% dei lavoratori negli Stati Uniti sono lavoratori a turni e ben il 40% di essi potrebbe soffrire di SWSD. (46)

FAQ
D: Quante persone negli Stati Uniti soffrono di insonnia?
R: Circa 60 milioni di americani sono affetti dal disturbo del sonno ogni anno.

Trattamento dei disturbi del ritmo circadiano

L’esposizione temporizzata alla luce intensa può aiutare a resettare l’orologio circadiano in coloro che soffrono di gravi disturbi del ritmo circadiano. (47) Nella maggior parte dei casi viene utilizzata una luce ad alta intensità di circa 10.000 lux e l’esposizione dura da una a due ore. Il tempismo del trattamento è fondamentale e richiede l’assistenza di uno specialista del sonno che amministra la luce.

articolo di ritmo circadiano, esposizione a luce intensa temporizzata
Per i disturbi meno gravi come il DSPS, la terapia comportamentale è comunemente usata. Tali interventi includono la creazione di orari regolari di sonno-veglia, evitando sonnellini, attenendosi al normale esercizio mattutino o pomeridiano ed evitando la caffeina e la luce intensa dagli schermi qualche ora prima di andare a dormire. La somministrazione standardizzata di melatonina ha anche dimostrato di essere un trattamento efficace per i disturbi del sonno del ritmo circadiano ed è particolarmente utile per il jet lag. (48)

Suggerimenti per un ritmo circadiano salutare

I seguenti suggerimenti possono aiutare a mantenere il ritmo circadiano in sincrono con i segnali interni ed esterni:

Attenersi a un programma di sonno coerente. Gli scienziati del sonno in genere raccomandano di andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno. Ciò può aiutare a mantenere il ritmo circadiano sincronizzato e ad aumentare l’energia una volta sveglio. (49)
Vai a fare una passeggiata mattutina. Dal momento che i livelli di energia sono strettamente legati alla luce, apri le sfumature dei blackout e fai una passeggiata mattutina. L’esposizione al sole fornirà una spinta di energia mentre si avvia il ritmo circadiano, somministrando abbastanza esposizione al sole per segnalare al cervello che è ora di iniziare la giornata. (50)
Limitare l’uso della tecnologia serale. L’esposizione alla luce artificiale e blu dei telefoni sta causando il caos in buona salute. Immagina di essere a letto mentre il sole splende dritto dentro; non c’è modo di addormentarsi. Mentre quell’esempio è drastico, la luce dello schermo mette il ritmo fuori sincrono e rende più difficile per le persone dormire bene. (51)
Pasti a tempo Un crescente numero di ricerche suggerisce che il corpo funzioni in modo ottimale quando i modelli alimentari si allineano ai ritmi circadiani. Gli studi dicono che mangiare prima nel corso della giornata e consumare un pasto leggero durante la cena è ottimale per la salute metabolica. (52)
Dormi nelle tenebre. Una stanza buia è un segnale importante per il corpo che è tempo di riposare. (53) Assicurarsi che non ci siano modi per far entrare la luce, che si tratti di una tenda aperta o di una luce lampeggiante di un dispositivo elettronico.
Riduce lo stress. Le risposte di stress variano durante il giorno e possono disturbare l’orologio circadiano. Pratica meditazione, diario, tecniche di respirazione o terapia, come modi per ridurre lo stress.

Luce blu

La luce blu a onde corte è luce emessa da smartphone, computer e tablet. Colpisce il corpo come la luce del sole e può rendere difficile addormentarsi.
Ultima parola da Sleepopolis
I ritmi circadiani sono potenti cicli biologici che influiscono su quasi ogni aspetto della salute e del benessere. Non solo i ritmi circadiani determinano il sonno, ma influenzano anche il rilascio degli ormoni, le abitudini alimentari e la digestione, la temperatura corporea e altre importanti funzioni biologiche. I progressi della cronobiologia non faranno che accrescere la comprensione da parte degli scienziati di questi cronisti interni, che porteranno a terapie per i disturbi circadiani come la depressione, il disturbo stagionale affettivo (SAD), le malattie croniche e il jet lag. (54)

Un ritmo circadiano sano aiuta a promuovere l’energia e il benessere riducendo il rischio di sviluppare determinate malattie. Il ritmo circadiano funziona meglio in combinazione con abitudini salutari, quindi assicurati di mantenere costanti tempi di letto e di veglia, limitare l’esposizione alla luce artificiale dagli schermi di notte e attenersi a una routine alimentare e di allenamento costante ogni giorno.

Riferimenti

  1. LeGates T.A., Fernandez D.C., et al. Light as a central modulator of circadian rhythms, sleep and affect. Nature Reviews Neuroscience, Jun 11, 2014
  2. Sollars P, Pickard G. The Neurobiology of Circadian Rhythms. Psychiatric Clinics of North America, Dec 2015
  3. Antoch MP, Song EJ, et al. Functional identification of the mouse circadian Clock gene by transgenic BAC rescue. Cell, May 16, 1997
  4. Spoelstra K, Wikelski M, et al. Natural selection against a circadian clock gene mutation in mice. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, Jan 19 2016
  5. Klarsfeld A, Birman S, et al. Nobel time for the circadian clock. Medecine sciences, June 13, 2017
  6. Bell-Pedersen D, Cassone V, et al. Circadian rhythms from multiple oscillators: lessons from diverse organisms. Nature Reviews Genetics, July 2015
  7. Redfern P, Minors D, et al. Circadian rhythms, jet lag, and chronobiotics: an overview. Chronobiology International, Aug 11 1994
  8. Cassone V and Westneat D. The bird of time: cognition and the avian biological clock. Frontiers in Molecular Neuroscience, Mar 22, 2012
  9. Vitaterna M , Takahashi J, et a. Overview of Circadian Rhythms. National Institute of Health
  10. Buhr E and Van Gelder R. The Making of the Master Clock. eLife, Aug 20, 2014
  11. Dudek M and Meng Q. Running on time: the role of circadian clocks in the musculoskeletal system. Biochemical Journal, Sep 8. 2014
  12. Mohawk J, Green C, et al. Central and peripheral circadian clocks in mammals. Annual Review of Neuroscience, Jul 14, 2013
  13. Foster RG, Roenneberg T. Human responses to the geophysical daily, annual and lunar cycles. Current Biology, Sept 9 2008
  14. Yates, J. Perspective: The Long-Term Effects of Light Exposure on Establishment of Newborn Circadian Rhythm. Journal of Clinical Sleep Medicine, Oct 15, 2018
  15. Gooley J, Chamberlain K, et al. Exposure to Room Light before Bedtime Suppresses Melatonin Onset and Shortens Melatonin Duration in Humans. Journal Of Clinical Endocrinology And Metabolism, Mar 2011
  16. Pevet P, Challet E. Melatonin: both master clock output and internal time-giver in the circadian clocks network. Journal of Physiology (Paris), Dec 2011
  17. Chang H and Guarente L. SIRT1 Mediates Central Circadian Control in the SCN by a Mechanism that Decays with Aging. Cell, Jun 20, 2013
  18. Baeza-Raja B, Eckel-Mahan K, et al. p75 Neurotrophin Receptor Is a Clock Gene That Regulates Oscillatory Components of Circadian and Metabolic Networks. The Journal of Neuroscience, Jun 19, 2013
  19. Takaesu Y. Circadian rhythm in bipolar disorder: A review of the literature. Psychiatry and Clinical Neurosciences. Sep 2018
  20. Eckel-Mahan K and Sassone-Corsi P. Metabolism and the Circadian Clock Converge. Physiological Reviews, Jan 2013
  21. Fonken L,  Workman J, et al. Light at night increases body mass by shifting the time of food intake. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, Oct 26, 2010
  22. Scheer FA, Hilton MF. Adverse metabolic and cardiovascular consequences of circadian misalignment. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, Mar 17, 2009
  23. Froy O. Metabolism and Circadian Rhythms—Implications for Obesity. Endocrine Reviews, Feb 1, 2010
  24. Chen C, Logan R, et al. Effects of aging on circadian patterns of gene expression in the human prefrontal cortex. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, Jan 5, 2016
  25. Hood S and Amir S. The aging clock: circadian rhythms and later life. Journal of Clinical Investigation, Feb 1 2017
  26. Chang H and Guarente L. SIRT1 Mediates Central Circadian Control in the SCN by a Mechanism that Decays with Aging. Cell, Jun 20, 2013
  27. Helfrich‐Förster C, Interactions between psychosocial stress and the circadian endogenous clock. Psych Journal, Dec 26, 2017
  28. Chung S, Hoon Son G, et al. Circadian rhythm of adrenal glucocorticoid: Its regulation and clinical implications. Biochimica et Biophysica Acta, May 2011
  29. Tahara Y and Shibata S. Entrainment of the mouse circadian clock: Effects of stress, exercise, and nutrition. Free Radical Biology & Medicine, May 1 2018
  30. Asher G, Sassone-Corsi P, Time for food: the intimate interplay between nutrition, metabolism, and the circadian clock. Cell, Mar 26, 2015
  31. Sae, T. Insulin Levels Wax and Wane Daily. ScienceNews
  32. Peek C, Levine D, et al. Circadian Clock Interaction with HIF1α Mediates Oxygenic Metabolism and Anaerobic Glycolysis in Skeletal, Cell Metabolism, Jan 10, 2017
  33. Gabriel B & Zierath J. Circadian rhythms and exercise — re-setting the clock in metabolic disease. Nature Reviews, Jan 17 2017
  34. Chatterjee S and Ma K. Circadian clock regulation of skeletal muscle growth and repair. F1000Research, Jun 30 2016
  35. Gu C, Coomans CP, et al. Lack of exercise leads to significant and reversible loss of scale invariance in both aged and young mice. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, Feb 24, 2015.
  36. Zhu L and Zee P. Phyllis C. Zee. Circadian Rhythm Sleep Disorders. Neurologic Clinics, Nov 1, 2013
  37. Gradisar M and Crowley S. Delayed Sleep Phase Disorder in Youth. Current Opinion in Psychiatry. Aug 25, 2014
  38. Figueiro M. Delayed sleep phase disorder: clinical perspective with a focus on light therapy. Nature and Science of Sleep, Apr 6 2016
  39. Ondzé B, Espa F, et al. Advanced Sleep Phase Syndrome. Revue neurologique Société de neurologie de Paris, Nov 2001
  40. Dagan Y. Behavioral and psychiatric consequences of sleep-wake schedule disorders. Dialogues in Clinical Neuroscience, Dec 2005
  41. Quera Salva M, Hartley S, et al. Non-24-Hour Sleep–Wake Rhythm Disorder in the Totally Blind: Diagnosis and Management. Frontiers in Neurology, Dec 18, 2017
  42. Garbazza C. Non-24-Hour Sleep-Wake Disorder in Sighted Patients: Dealing With an Orphan Disease. Journal of Clinical Sleep Medicine, Aug 15, 2018
  43. Abbott SM, Zee PC. Irregular Sleep-Wake Rhythm Disorder. Sleep Medicine Clinics, Dec 2015
  44. Roth, T. Shift work disorder: overview and diagnosis. The Journal of Clinical Psychiatry, Mar 2012
  45. Schwartz JR, Roth T. Shift work sleep disorder: burden of illness and approaches to management. Drugs, 2006
  46. Ferri P, Guadi M, et al. The impact of shift work on the psychological and physical health of nurses in a general hospital: a comparison between rotating night shifts and day shifts. Risk Management and Healthcare Policy, Sep 14, 2016
  47. Dodson E and Zee P. Therapeutics for Circadian Rhythm Sleep Disorders. Sleep Medicine Clinics, Dec 1, 2011
  48. Auger Rm Burgess H, et al. Clinical Practice Guideline for the Treatment of Intrinsic Circadian Rhythm Sleep-Wake Disorders. Journal of Clinical Sleep Medicine, 2015
  49. Kang J and Chen S. Effects of an irregular bedtime schedule on sleep quality, daytime sleepiness, and fatigue among university students in Taiwan. BMC Public Health, Jul 19, 2009
  50. Mead N. Benefits of Sunlight: A Bright Spot for Human Health. Environmental Health Perspectives, Apr 2008
  51. Tosini G, Ferguson I, et al. Effects of blue light on the circadian system and eye physiology. Molecular Vision, Jan 24, 2016
  52. Asher G and Sassone-Corsi P. Time for food: the intimate interplay between nutrition, metabolism, and the circadian clock. Cell, Mar 26, 2015
  53. Kaneshi Y, Ohta H, et al. Influence of light exposure at nighttime on sleep development and body growth of preterm infants. Scientific Reports, Feb 15, 2016
  54. Farhud, D. Circadian Rhythm, Lifestyle and Health: A Narrative Review. Iranian Journal of Public Health, Aug 2018

Il contenuto che hai letto è tratto dal sito sleepopolis.com.

Condividi:

Lascia un commento

Chiudi il menu