Cosa sono i sogni?

Che cosa sono i sogni? Messaggi dal subconscio? Desideri repressi?…

Il mistero dei sogni ha affascinato le persone per millenni. Le domande abbondano sulla loro natura e scopo. Sono messaggi dal subconscio? Desideri repressi? Sparo casuale e senza senso dei neuroni nel cervello?

Le risposte a queste domande sembravano elusive – fino a poco tempo fa. Lo studio moderno dei sogni è iniziato con la scoperta del sonno REM nei primi anni ’50. Pochi anni dopo, la ricerca ha rivelato che i sogni erano più vividi e memorabili durante il sonno REM, e ulteriori studi hanno dimostrato che i movimenti oculari registrati durante il sonno REM corrispondevano alle immagini dei sogni descritte dai partecipanti agli studi sul sonno.

La maggior parte dei sogni sembra manifestare gli interessi e le opinioni di ogni singolo sognatore. Sebbene i contenuti dei sogni siano soggettivi, con immagini che non possono essere viste dai ricercatori ma riportate solo da soggetti di studio, i progressi nella scienza del sonno stanno portando ad una maggiore comprensione di ciò che accade mentre sogniamo. La risposta alla domanda sul perché sogniamo potrebbe non essere lontana.

Nota: il contenuto di Sleepopolis deve essere di natura informativa, ma non deve essere considerato come un consiglio medico e non deve sostituire la consulenza medica e la supervisione di un professionista qualificato. Se ritieni di soffrire di disturbi del sonno o condizioni mediche, consulta immediatamente il tuo medico.

Cosa sono i sogni?

I sogni sono una raccolta di pensieri involontari, immagini visive e risposte emotive che si verificano durante il sonno. Suoni e sensazioni fisiche possono anche essere vissute nei sogni.

Una volta pensato che si verifichi solo durante la fase REM del sonno, ora si sa che i sogni hanno luogo anche durante le tre fasi non-REM del sonno. (1)

I sogni sembrano essere innescati quando la normale attività del cervello cambia o diminuisce, come accade durante il sonno. I sogni sono iniziati quando l’ipotalamo segnala le aree del cervello responsabili della veglia, inducendole a spegnersi. I sogni iniziano nella prima infanzia e aumentano di numero e lunghezza fino all’età adulta.

La persona media sogna da tre a cinque volte ogni notte, anche se alcuni sognatori particolarmente prolifici possono sognare fino a sette volte in una sola notte. Mentre la maggior parte dei sogni dura da cinque a venti minuti, alcuni durano solo pochi secondi e molti non vengono mai ricordati. Circa sei anni delle nostre vite sono spesi a sognare.

 

Sonno paradossale

Un altro termine per il sonno REM. Il REM è a volte definito sonno paradossale perché l’attività cerebrale durante questo stadio assomiglia molto a quella della veglia.
Sogni: REM Sleep vs. Sonno non REM
I sogni possono iniziare rapidamente come pochi secondi nella prima fase del sonno. Questi tipi di sogni sono in genere frammenti disorganizzati di pensieri, immagini e percezioni sensoriali chiamate allucinazioni ipnagogiche e possono essere intervallati da brevi cambiamenti allo stato di veglia.

Una volta che il corpo inizia la transizione verso lo stato di sonno, i neuroni nel cervello si attivano in modo irregolare. Il sogno può verificarsi quando la parte del cervello che elabora i segnali neuronali cerca di dare un senso alle risposte disorganizzate che si verificano durante il sonno.

Sebbene il sogno abbia luogo durante tutte e quattro le fasi del sonno, incluse le tre fasi non-REM del sonno, la natura dei sogni può essere molto diversa a seconda dello stadio in cui si verificano. (2)

Sogni non REM

Durante il sonno non REM, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono, i muscoli possono contrarsi e le onde cerebrali passano dalle onde alfa dello stato di scia alle onde theta dello stato di sonno. (3)

Le tre fasi del sonno non-REM comprendono circa il 75% del tempo totale di sonno e possono essere descritte come segue:

N1. Questa è la fase più leggera del sonno, la transizione tra gli stati di sonno e di veglia
N2. Una fase di sonno leggermente più profonda. La maggior parte del tempo trascorso a dormire è trascorso nel sonno N2
N3. Conosciuto anche come sonno ad onde lente, N3 è la fase più profonda e rigenerante del sonno

Il test EEG rivela un’attività di sogno coerente durante il sonno non-REM, anche se i sogni non-REM sembrano essere meno vividi con un contenuto emotivo inferiore. I soggetti negli studi sui sogni spesso hanno più difficoltà a ricordare i sogni che si verificano durante una delle fasi non-REM del sonno.

Anche se generalmente più disconnessi, i sogni che si verificano durante il sonno non-REM possono essere intimamente connessi al sonno REM. (4) I sogni non-REM tendono a verificarsi durante le prime ore del mattino quando il sonno REM è più probabile e può essere indotto dall’attivazione della stessa parte del cervello che viene stimolata durante il sonno REM.

FAQ
Come sappiamo che gli animali sognano?
Gli studi EEG del cervello animale dimostrano che tutti i mammiferi sognano durante il sonno REM e uccelli e rettili possono anche sognare.

REM Sogni d’oro

La maggior parte dei sogni si verifica durante il sonno REM, quando l’attività cerebrale assomiglia di più a quella di essere svegli. Inoltre, il sonno REM si distingue per i rapidi movimenti degli occhi e la paralisi dei muscoli. Aumento della frequenza cardiaca rispetto alle fasi non-REM del sonno,

L’attività cerebrale durante il sonno REM mostra onde cerebrali miste che assomigliano da vicino a quelle viste durante lo stato di veglia. (5) Simile al cervello di veglia, il cervello durante il sonno REM mostra meno schemi sincroni e più attività casuali, comprese le regioni del cervello che elaborano le informazioni sensoriali.

I sogni di sonno REM possono essere più vividi di quelli che si verificano durante il sonno non REM a causa dell’attivazione della corteccia visiva del cervello. Questa attivazione può essere fondamentale per la natura dei sogni, in quanto sono “visti” dal cervello proprio come qualsiasi immagine è vista mentre il sognatore è sveglio.

Sleepopolis sonno educazione articolo grafico
Al contrario, la corteccia prefrontale, la parte del cervello responsabile della logica, del processo decisionale e della pianificazione, mostra una ridotta attività durante il sonno REM e il sonno non-REM. Questa incapacità di ragionare durante i sogni potrebbe essere la ragione per cui molte persone non sanno di stare sognando.

Una persona svegliata durante il sonno REM è più probabile che ricordi il suo sogno. Come evidenziato sull’EEG, i sogni che attingono alle esperienze della veglia tendono ad essere associati all’attività dell’onda theta del sonno REM, rafforzando ulteriormente l’idea che il sonno REM sia associato all’elaborazione di emozioni e memoria.

Il sistema di attivazione reticolare

Il sistema di attivazione reticolare – o RAS – controlla sia gli stati di sonno e veglia, sia la risposta di combattimento o di volo. L’AR aso controlla il flusso di informazioni che lasciamo entrare nella nostra mente cosciente, aiutandoci a separare importanti segnali sensoriali a cui dobbiamo prestare attenzione da informazioni meno importanti che possono essere ignorate. (6)

Il RAS è responsabile non solo di svegliarci al mattino, ma di attivare il cervello in generale. (7) Il sistema ignora i piccoli suoni che potrebbero disturbarci quando abbiamo bisogno di dormire, ma presta attenzione a loro quando è ora di svegliarsi. L’attivazione del RAS può essere la ragione per cui incorporiamo certi suoni e sensazioni in sogni poco prima di svegliarsi, quando inizia l’eccitazione del cervello e dei sistemi di elaborazione sensoriale.

Elettroencefalogramma o EEG

Un test che misura l’attività elettrica nel cervello. È usato per diagnosticare l’epilessia, i disturbi del sonno e altre condizioni che influiscono sulle onde cerebrali e sull’attività neuronale.
Oneirology: The Scientific Study of Dreams
La parola onirologia viene dal greco e significa studio dei sogni. Sebbene questo possa sembrare lo studio di ciò che i sogni significano, gli onirologi non cercano di interpretare i sogni o capire il loro significato. Piuttosto, studiano il processo fisiologico del sogno.

L’unirologia implica la ricerca di correlazioni tra la funzione cerebrale e l’atto del sogno, in particolare la connessione tra sogni, memoria e disturbi psicologici.

Lo studio dei sogni è diventato più popolare con la scoperta del sonno REM e l’evidenza di un aumento dei sogni durante questa fase del sonno, quando il cervello addormentato assomiglia più da vicino al cervello sveglio. Questo tipo di studio include la ricerca su ciò che influenza il sogno, i meccanismi di lavoro che stanno dietro al sogno, il sonno o altri disturbi che possono influenzare il sogno.

Gli unirologi possono analizzare le onde cerebrali visibili su un elettroencefalogramma durante il sogno o indagare gli effetti sui sogni di vari neurotrasmettitori e farmaci.

La funzione dei sogni

Per secoli, le persone hanno tentato di capire e interpretare i sogni. Gli antichi egizi credevano che i sogni rappresentassero l’esistenza di cose a cui non era possibile accedere nella vita di veglia. I primi cristiani pensavano che i sogni formassero una linea diretta di comunicazione da parte di Dio.

L’avvento della psichiatria ha accresciuto l’interesse per il soggetto dei sogni e interpretarli come un mezzo per accedere alla psiche. Nel suo libro fondamentale L’interpretazione dei sogni, Sigmund Freud suggerì che i sogni rappresentano desideri e ansie repressi.

Freud divideva i sogni in due tipi: contenuto manifesto e contenuto latente. Il contenuto manifesto è il contenuto reale del sogno, inclusi pensieri e immagini, mentre il contenuto latente descrive il significato psicologico subconscio del sogno.

Alcune delle citazioni più famose sui sogni possono essere attribuite a Freud e al collega psichiatra Carl Jung. Jung credeva che i sogni fossero messaggi e che i sogni ricorrenti fossero un modo per affrontare e risolvere paure persistenti o altri problemi.

Jung ha anche teorizzato che i sogni hanno rivelato archetipi universali vissuti da tutte le persone e culture. Credeva che questi archetipi, come il vecchio saggio, l’inondazione, l’imbroglione e l’ombra, formassero la base di tutte le storie e religioni e potessero spiegare anche i sogni.

The Activation Synthesis Theory of Dreams

Proposto dagli psichiatri dell’Università di Harvard John Allan Hobson e Robert McCarley nel 1977, la teoria della sintesi di attivazione dei sogni postula che l’attività cerebrale durante il sonno REM si traduca in sogni. (8)

Le cinque caratteristiche essenziali dei sogni del Dr. Hobson includono:

  • Intense emozioni
  • Contenuto illogico
  • Impressioni sensoriali apparenti
  • Accettazione acritica di eventi onirici
  • Difficoltà a essere ricordati

Hobson e McCarley credono che i sogni siano causati dall’interpretazione del cervello superiore del funzionamento della mente più primitiva. Secondo la loro teoria, l’attivazione nel tronco cerebrale durante il sonno REM fa sì che anche aree del sistema limbico divengano attive. Questi includono aree coinvolte nell’elaborazione di emozioni, segnali sensoriali e memoria.

La teoria della sintesi di attivazione sostiene che i sogni vengono creati da questa attivazione cerebrale durante il sonno. Il Dr. Hobson crede che la mente cercherà sempre di dare un significato all’attività cerebrale, e l’attività che si svolge durante il sonno non fa eccezione.

Negli ultimi anni, la teoria della sintesi di attivazione è stata aggiornata e rinominata modello AIM. AIM sta per attivazione, gating input-output e modulazione. Questo modello tridimensionale tenta di spiegare come la coscienza si sposta attraverso gli stati di veglia, sonno non-REM e sonno REM.

Il modello AIM presenta l’idea che il sogno e l’attività cerebrale durante il sonno sono essenziali per lo sviluppo e il funzionamento della coscienza, così come altre funzioni cerebrali cruciali come la risoluzione dei problemi. Sognare non è solo ciò che fa il cervello quando non è pienamente cosciente, è una parte indispensabile della coscienza stessa.

FAQ
Perché la febbre provoca incubi e sogni vividi?
Una temperatura corporea elevata può far sì che i neuroni nel cervello trasmettano segnali ad una velocità maggiore. Questa rapida trasmissione può verificarsi anche nella corteccia visiva, contribuendo a immagini di sogno insolitamente vivide e persino a allucinazioni.

Sogni come terapia

Sebbene possa essere impossibile comprendere interamente la natura e lo scopo dei sogni a causa della loro natura soggettiva, la recente comprensione del cervello durante il sonno REM può indicare alcune interessanti possibilità.

I centri di memoria ed emozione si riattivano durante il sonno REM dopo una diminuzione drastica durante il sonno non-REM. (9) Inoltre, la noradrenalina, una molecola che scatena l’ansia, è assente dal cervello durante il sonno REM. Questa assenza crea un ambiente relativamente privo di stress per l’elaborazione di emozioni o ricordi che sorgono durante i sogni.

Per aiutare a dimostrare l’ipotesi che il sonno influenzi l’elaborazione delle emozioni, i ricercatori hanno esposto un gruppo di adulti a immagini che hanno indotto emozioni mentre il loro cervello è stato scansionato in una macchina per la risonanza magnetica. L’intero gruppo è stato ri-esposto alle immagini dodici ore dopo, anche se solo metà dei partecipanti ha avuto la possibilità di dormire tra le due sessioni.

I soggetti dello studio che dormivano hanno riportato una diminuzione della risposta emotiva alle stesse immagini. Questa risposta è stata supportata dai risultati delle loro scansioni MRI, che hanno mostrato una drastica riduzione dell’attività nell’amigdala, che modula tali emozioni primordiali come paura, ansia e aggressività. (10) I risultati dei partecipanti allo studio che non dormivano sono rimasti simili ai risultati iniziali, con reattività simile nell’amigdala.

Come sappiamo che sognare era responsabile della discrepanza nei risultati dei test? Poiché solo i soggetti dello studio che dormivano – e i cui sogni mostravano una diminuzione dell’attività cerebrale correlata allo stress – mostravano una reattività ridotta al test successivo.

 

The Dream Rebound Effect

Il rimbalzo dei sogni è la comparsa di pensieri soppressi nei sogni, in particolare quelli che si verificano durante il sonno REM. (11) La soppressione del pensiero e dell’emozione è stata dimostrata in più studi per incidere sui sogni, in particolare quando il sognatore sta sperimentando maggiori esigenze cognitive dovute all’apprendimento di nuovi concetti o alla memorizzazione di dettagli o numeri. (12)

Poiché i normali processi di soppressione del pensiero non sono così duri durante il sonno REM, così come lo sono durante la veglia, i pensieri soppressi possono essere più facili da accedere ed esplorare dal cervello. Questo può portare alla comparsa di pensieri ed emozioni soppressi durante il sonno. (13) Alcuni ricercatori ipotizzano che i sogni e gli incubi negativi possano essere almeno in parte il risultato della soppressione del pensiero.

Diversi studi clinici randomizzati hanno dimostrato che gli incubi possono essere mitigati riducendo l’attività di soppressione del pensiero. Affrontare pensieri e immagini disturbanti durante la veglia invece di tentare di reprimerli può essere d’aiuto a chi soffre di un incubo, specialmente a chi vive brutti sogni ricorrenti. (14)

La terapia ripetitiva delle immagini, o IRT, è un tipo di terapia cognitivo-comportamentale progettata per pazienti con sogni negativi e PTSD. Invece di sopprimere le paure che portano agli incubi, IRT ordina ai pazienti di affrontarli. L’obiettivo di IRT è quello di modificare il corso dei modelli di sogno aiutando i malati di incubi a reimmaginarsi a desinzioni più benigne per incubi e ad assumere il controllo cosciente del contenuto dei sogni. (15)

Neurone

Una cellula nel corpo che trasmette, elabora e riceve informazioni attraverso segnali di altri neuroni.

Incubi, Terrori notturni e Cattivi sogni

Gli incubi sono sogni composti da immagini o emozioni negative e spesso conducono a intensi sentimenti di paura e ansia. Possono essere abbastanza vivaci e risvegliare il sognatore dal sonno.

Circa l’8% degli adulti può soffrire più di incubi occasionali. Gli incubi possono essere causati da una serie di fattori psicologici, tra cui stress, ansia, alcuni farmaci, disturbi del sonno o disturbi del sonno e disturbi della salute mentale. L’angoscia durante il risveglio è fortemente associata agli incubi durante il sonno. (16)

La morte, le minacce alla sicurezza e le preoccupazioni per la salute sono argomenti comuni degli incubi. Sono più propensi degli altri sogni a coinvolgere conclusioni infelici, insieme a temi di fallimento e aggressività. (17) Gli incubi tendono a verificarsi più tardi durante la notte durante il sonno REM, quando i sogni sono più vividi.

Gli incubi possono anche essere causati da:

  • farmaci
  • sostanze
  • alcool
  • Ritiro da alcuni farmaci o droghe
  • Febbre
  • Disordini del sonno
  • Disturbi del ritmo circadiano come la gamba del jet

Una buona igiene del sonno può aiutare a migliorare la qualità e l’efficienza del sonno, riducendo così la frequenza degli incubi. Una buona igiene del sonno richiede una camera da letto buia, silenziosa, evitando l’elettronica nelle ore precedenti il ​​letto, limitando l’uso di alcol e caffeina e mantenendo un programma di sonno costante.

Incubi vs. Brutti sogni

Cosa distingue gli incubi dai brutti sogni? Spesso è l’emozione vissuta durante il sogno. Gli incubi tendono ad essere distinti dagli elementi dell’aggressione fisica e dalla paura, mentre i brutti sogni spesso coinvolgono emozioni comuni ai conflitti interpersonali. Queste emozioni includono:

  • Tristezza
  • Colpa
  • Confusione
  • Disgusto

Gli incubi si distinguono dai brutti sogni dalla loro tendenza a svegliare i sognatori dal sonno. Gli studi rivelano che i brutti sogni sono più comuni degli incubi, che si verificano nel 10,8% delle persone studiate rispetto al 2,9%. È interessante notare che le questioni di competenza sono più comuni nei sogni ordinari, che contengono meno ovvi temi di fallimento e negatività.

Incubi vs. Disordine da incubo
Chiamato anche ansia da sogno, il disturbo da incubo è caratterizzato da incubi frequenti e gravi che interferiscono con la qualità della vita. Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5) definisce i segni e i sintomi del disturbo da incubo come:

Svegliarsi ripetutamente e avere un chiaro ricordo dei contenuti dell’incubo, con minacce alla sopravvivenza, alla sicurezza o all’integrità fisica
Di solito si verifica nella seconda parte del sonno o durante il pisolino
Essere vigili al risveglio
Sensazione di angoscia, inclusa paura e ansia
Compromissione della funzione durante il lavoro o la scuola o altri domini
Non ci sono altre condizioni mediche o l’uso di farmaci o sostanze per spiegare il disturbo
Il disturbo da incubo è considerato una parasonnia o un disturbo che provoca esperienze spiacevoli durante l’addormentarsi, durante il sonno o durante il risveglio dal sonno. Potrebbe avere cause simili a normali incubi. Può causare la paura di addormentarsi, che può comportare una privazione cronica del sonno e ulteriore ansia.

Il trattamento per il disturbo da incubo può includere farmaci, terapia comportamentale cognitiva o entrambi. Il protocollo terapeutico può comportare quanto segue:

Terapia Rehearsal Image: il paziente scrive il loro incubo e modifica gli elementi del sogno per renderlo più positivo. Questo è seguito dal provare il sogno modificato in modo che anche i sogni futuri possano essere alterati
Terapia di autoesposizione: il paziente si espone gradualmente a situazioni che solitamente creano paura e ansia, causando desensibilizzazione
Lucid Dreaming Therapy: il paziente tenta di diventare consapevole dei propri incubi mentre dorme, in modo che il sogno e il suo esito possano essere cambiati

FAQ
Di cosa si tratta maggiormente?
Gli studi dimostrano che la maggior parte dei sogni coinvolge persone che il sognatore conosce, interagendo in qualche modo con il sognatore.

Disturbo da stress post-traumatico e incubi

Disturbo da stress post-traumatico (PTSD) si verifica a seguito di un trauma, ed è comune nei veterani di guerra e sopravvissuti ad abusi sessuali. Il disturbo è caratterizzato da pensieri persistenti e intrusivi, insieme a flashback del precipitante evento traumatico. Il disturbo può avere una connessione genetica con il neurotrasmettitore serotonina, che colpisce sia l’emozione che il sonno.

Gli incubi compaiono nella maggior parte delle persone con diagnosi di PTSD. (18) Possono essere ancora più comuni nei pazienti affetti da PTSD con disturbo di panico o ansia. PTSD può causare un aumento dell’eccitazione del sistema nervoso, con conseguente ansia aumentata, insonnia e frequente risveglio. Questa tendenza al sonno disturbato può esacerbare gli incubi, mentre la stanchezza può peggiorare i sentimenti di depressione e disperazione.

La terapia comportamentale cognitiva specificamente sviluppata per PTSD può essere abbastanza efficace nel trattare i sintomi della malattia. L’esposizione ripetuta ai ricordi può ridurre il loro potere e desensibilizzare chi soffre di PTSD a immagini, pensieri e incubi intrusivi. Alcuni farmaci possono anche aiutare.

Terrori notturni

I terrori notturni sono una parasonnia che colpisce in genere i bambini di età compresa tra due e quattro anni. Potrebbe causare alcuni o tutti i seguenti sintomi:

  • Urlando o urlando nel sonno
  • Seduto dritto nel letto
  • Muoversi o agitarsi nel letto
  • Apparendo agitato durante il sonno o dopo il risveglio
  • Sembra inconsolabile durante o dopo un terrore notturno
  • Apparendo confuso quando risvegliato
  • Sleepwalking o alzarsi dal letto

Mentre un bambino che soffre di un incubo può essere facilmente risvegliato e consolato, un bambino che soffre di un terrore notturno è più difficile da svegliare. Un bambino che vive il terrore notturno può anche ferirsi durante il sonno o soffrire di enuresi notturna. Alcuni ricercatori teorizzano che i terrori notturni derivano da normali cambiamenti infantili, come dormire da soli lontano dai genitori. (19)

I trattamenti per i terrori notturni includono risvegli programmati per evitare lunghi periodi di sonno e sogno, farmaci e una macchina progettata per vibrare leggermente quando avverte l’inizio dei terrori notturni, risvegliando il bambino quel tanto che basta per interrompere il ciclo di sogni spaventosi.

Mentre è ancora un mistero, i sogni non sono più sconcertanti come lo erano una volta. Ora sappiamo che i sogni si verificano in tutte e quattro le fasi del sonno, iniziano nello sviluppo iniziale del cervello e sembrano prendere i loro soggetti in parte da pensieri soppressi. Anche se non crediamo più che i sogni siano simboli di desideri repressi o di comunicazione degli dei, non hanno perso il loro potere di ispirare e farci meravigliare.

Poiché i sogni sono così individuali e rappresentano la vita e le preoccupazioni di ogni persona che sogna, potremmo non comprendere mai completamente il loro scopo o significato. Tuttavia, i recenti progressi nel campo della scienza del sonno e della neurologia ci hanno dato scorci allettanti sulla natura dei sogni e gli affascinanti processi cerebrali che conducono al sogno.

Riferimenti

  1. Siclari F, Bernardi G, Cataldi J, Tononi G., Dreaming in NREM Sleep: studio EEG ad alta densità su onde lente e fusi, Journal of Neuroscience, 24 ottobre 2018
  2. Suzuki H, Uchiyama M, Tagaya H, Ozaki A, Kuriyama K, Aritake S, Shibui K, Tan X, Kamei Y, Kuga R., Sognare durante il sonno oculare non rapido dormire in assenza di un rapido movimento oculare rapido, Sonno , 15 dicembre 2004
  3. Purves D, Augustine GJ, Fitzpatrick D, et al., Editor, Sleep Stages, Neuroscience. 2a edizione, 2001
  4. Hiroyuki Suzuki, PhD., Sognando durante il movimento oculare non rapido Dormi nell’assenza del movimento rapido oculare precedente Dormi, dormi, dicembre 2004
  5. Takeuchi T, Ogilvie RD, Murphy TI, Ferrelli AV, attività EEG durante i periodi REM e NREM di inizio del sonno riflettono diversi meccanismi di generazione dei sogni. Elettroencefalogrammi. Movimento rapido degli occhi, Neurofisiologia clinica, dicembre 2004
  6. E. Garcia-Rill, Reticular Activating System, Encyclopedia of Neuroscience, 2009
  7. Urbano FJ, Kezunovic N, Hyde J, Simon C, Beck P, Garcia-Rill E., Attività gamma gamma nel sistema di attivazione reticolare, Frontiere in Neurologia, 31 gennaio 2012
  8. J. Allan Hobson, REM dormire e sognare: verso una teoria della protocoscienza, Nature Reviews Neuroscience, 1 ottobre 2009
  9. Matthew P. Walker, terapia durante la notte? Il ruolo del sonno nell’elaborazione del cervello emotivo, Psychological Bulletin, 2009
  10. Ressler KJ, attività dell’amigdala, paura e ansia: modulazione dello stress, psichiatria biologica, 15 giugno 2010
  11. Tana Kroner-Borowik, Gli effetti della soppressione dei pensieri intrusivi sul contenuto del sogno, angoscia onirica e parametri psicologici, Journal of Sleep Research, 2 novembre 2012
  12. Richard A. Bryant, Rimbalzo del sogno di pensieri emotivi soppressi: L’influenza del carico cognitivo, Consapevolezza e Cognizione, Volume 20, Numero 3, Settembre 2011
  13. Schmidt RE, Gendolla GH., Sognando gli orsi bianchi: il ritorno del sonno soppresso al sonno, Coscienza e Cognizione, settembre 2008
  14. Trattamento di autoesposizione postale di incubi ricorrenti, British Journal of Psychiatry, ottobre 1994
  15. L Cutchen L, Cheng D, Emmons S, Germain A, Melendrez D, Sandoval D, Prince H., Terapia ripetitiva di immaginazione per incubi cronici in sopravvissuti sessuali con disturbo da stress post-traumatico: uno studio controllato randomizzato, JAMA, 1 agosto 2001
  16. Marchese LP, Julien SH, Baril AA, Blanchette-Carrière C, Paquette T, Carr M., Soucy JP, Montplaisir J, Nielsen T., Severità da incubo è correlata all’attività cerebrale frontale durante lo stato di veglia Visualizzazione dell’immagine, Journal of Clinical Sleep Medicine , Febbraio 2019
  17. Robert G, Zadra A., Analisi tematica e contenutistica di incubi e sogni maligni idiopatici, sonno, 1 febbraio 2014
  18. Detweiler MB, Pagadala B, Candelario J, Boyle JS, Detweiler JG, Lutgens BW, Trattamento degli incubi da disturbi da stress post-traumatico in un centro medico per gli affari veterani, Journal of Clinical Medicine, dicembre 2016
  19. Boyden SD, Pott M, Starks PT., Una prospettiva evolutiva sui terrori notturni, Evoluzione, Medicina e sanità pubblica, 14 aprile 2018

L’articolo che hai letto è stato tratto da sleepopolis.com

Condividi:

Lascia un commento

Chiudi il menu